Telefono e Fax
Tel: +39058446215 Fax: +39058446215

Accertamento del taxista e studi di settore: i soli studi di settore non bastano

Lunedì 12/09/2022

a cura di Studio Valter Franco


La Corte di Cassazione, quinta sezione civile, con ordinanza 26018/22 ha accolto il ricorso presentato da un taxista avverso l'avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate.

Per l'anno 2003 l'Agenzia delle Entrate rideterminava i ricavi derivanti dall'attività di taxista da euro 18.869= dichiarati ad euro 58.842,00, in presenza di regolarità delle scritture contabili e di coerenza alle risultanze degli studi di settore. L'Agenzia delle Entrate, reputando i ricavi poco credibili, procedeva con accertamento analitico-induttivo ai sensi dell'art. 39 comma 1 lettera d  del DPR 600  (l'esistenza di attività non dichiarate è presumibile anche sulla base di presunzioni semplici, purché siano gravi, precise e concordanti) e dell'articolo 62 sexies del D.L. 30 agosto 1993 n. 331  (gli accertamenti di cui all'art. 39 lettera d del DPR 600 e 54 del DPR  633/72  ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, possono essere fondati anche sull'esistenza di gravi incongruenze tra i ricavi, i compensi ed i corrispettivi dichiarati e quelli fondatamente desumibili dalle caratteristiche e dalle condizioni di esercizio della specifica attivita' svolta, ovvero dagli studi di settore elaborati ai sensi dell'articolo 62-bis del presente decreto).

Giova ricordare che gli studi di settore sono stati elaborati mediante appositi osservatori (che hanno anche proceduto ad aggiornamento e revisioni), ma come si potrà constatare da quanto indicato nella parte finale di questi appunti, non basta la congruità e la coerenza con gli studi di settore a scongiurare l'accertamento di maggiori ricavi, poiché alcuni "indici spia" vengono reputati quali presunzioni gravi, precise  e concordanti.

L'Ufficio ha proceduto considerando i chilometri percorsi durante l'anno risultanti dalla scheda carburante, la percorrenza di una corsa media determinata in base a presunti studi statistici, il costo di una corsa media risultante dal tariffario comunale, riducendo la percentuale di chilometri percorsi per uso privato dall'autovettura generando così in aumento i chilometri percorsi nell'esercizio dell'attività.

Il contribuente invece dimostrava che non esisteva alcun studio statistico del Comune sulle percorrenze medie di ogni corsa e sul costo medio, cosicché non esisteva neppure una tariffa media, ergo le presunzioni dell'Ufficio erano quindi prive del requisito di gravità, precisione e concordanza e, tanto più, la dichiarazione fiscale era "congrua e coerente" con gli studi di settore; la Commissione Tributaria, nel giudizio di appello, accoglieva quindi le tesi del contribuente.

La Suprema Corte di Cassazione  si esprime, relativamente al giudizio di appello, con l'espressione "dalla lettura della sentenza emerge la sufficienza, logicità e coerenza del ragionamento del giudice d'appello" dichiarando il ricorso pertanto inammissibile.

Contrariamente all'ordinanza in questione si evidenziano metodologie di accertamento analitico-induttivo considerate del tutto legittime:
  • il tovagliometro, ossia l'accertamento nei confronti di esercizi di somministrazione basato sul consumo unitario dei tovaglioli utilizzati (risultante per quelli di carta dalle fatture o ricevute di acquisto e per quelli di stoffa dalle ricevute della lavanderia), è legittimo, in quanto costituisce un dato assolutamente normale quello secondo cui per ciascun pasto ogni cliente adoperi un solo tovagliolo e rappresentando, quindi, il numero di questi un fatto noto idoneo, anche di per sé solo, a lasciare presumere il numero dei pasti effettivamente consumati, pur dovendosi ragionevolmente sottrarre dal totale una certa percentuale di tovaglioli normalmente utilizzati per altri scopi, quali i pasti dei dipendenti, l'uso da parte dei camerieri e le evenienze più varie per le quali ciascun cliente può essere indotto ad utilizzare più tovaglioli", reputato legittimo dalla stessa Corte di Cassazione con ordinanza 11593 del 4 maggio 2021
  • il mineralometro o bottigliometro, basato sul consumo di acqua minerale nei ristoranti e nelle pizzerie (Cassazione 17408/2010)
  • il lenzuolometro, basato sull'impiego di lenzuola, coperte ed asciugamani nello svolgimento di attività di affittacamere (Cassazione 30402/2011)
  • lo shampometro, ossia l'accertamento redatto nei confronti di attività di parrucchiere basato sul consumo di materie prime, ma nel caso il contribuente non sembra aver contestato puntualmente gli assunti dell'Agenzia delle Entrate (C.T.R. Lazio sentenza 2684 del 23 settembre 2020)
Le ultime news
Ieri
Scade oggi, 30 settembre, il termine per il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche...
 
Ieri
Scade oggi, 30 settembre, il termine entro il quale farmacie, strutture specialistiche pubbliche e private...
 
Ieri
Al via le domande per il credito d'imposta IMU per il turismo, introdotto dall'art. 2 del Dl n. 21/2022...
 
Giovedì 29/09
Scade domani, 30 settembre, il termine per consultare, eventualmente modificare e inviare il modello...
 
Giovedì 29/09
L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida aggiornata sulla Tessera sanitaria, un vero e proprio...
 
Giovedì 29/09
Il giudice di merito non deve svolgere una funzione meramente passiva, prendendo semplicemente atto dell’istanza...
 
Mercoledì 28/09
Con la Risoluzione n. 52/E del 23 settembre 2022 l'Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo...
 
Mercoledì 28/09
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 223 del 23 settembre è stato pubblicato il Decreto "Aiuti-ter"...
 
Mercoledì 28/09
Come ricordato qui, fino al prossimo 30 novembre 2022 è possibile inviare le domande per richiedere...
 
Martedì 27/09
Il Dl 144/2022 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 223 del 23 settembre 2022), all’art. 38...
 
Martedì 27/09
Con la Risoluzione n. 50/E del 23 settembre 2022 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo...
 
Lunedì 26/09
Nella Risposta n. 461 del 21 settembre 2022 l'Agenzia delle Entrate chiarisce in merito alle agevolazioni...
 
Lunedì 26/09
Il servizio reso da una farmacia al cliente finale nell'ambito di un programma di autonalisi, tramite...
 
altre notizie »
 

Studio Commerciale Maffei Andrea

via Cesare Battisti n. 283/A - 55049 Viareggio (LU)

Tel: +39058446215 - Fax: +39058446215

Email: a.maffei@studiocommercialemaffei.it

P.IVA: 01456690468

Pagina Facebook STUDIO COMMERCIALE Rag. Maffei Andrea Pagina Linkedin STUDIO COMMERCIALE Rag. Maffei Andrea